Tazza di Masala Chai

Masala Chai: la bevanda tradizionale indiana

Masala Chai, letteralmente “misto di spezie” e “tè”, è una bevanda della tradizione indiana.

L’origine risale a migliaia di anni fa, quando un re con l’intento di cercare una cura depurativa creò questa bevanda composta da diverse spezie, dal sapore delicato. Inizialmente questa bevanda non conteneva caffeina, né foglie di tè, ma con il tempo la ricetta cambiò, modificandosi e adattandosi in base ai gusti di ognuno e all’influenza delle colonie inglesi.

Il Masala Chai come lo conosciamo ora, divenne una bevanda popolare solo all’inizio del 1900, quando per contrastare lo sviluppo del caffe arabo in India e promuovere il tè nero indiano, i produttori di tè iniziarono a girare nelle zone più trafficate del paese vendendo il tè. Inizialmente il prezzo era molto alto, e per farlo diventare più accessibile, decisero di diluire la bevanda con latte e zucchero, creando la ricetta conosciuta oggi in tutto il mondo.

Il Chai è composto da:

  • cardamomo
  • cannella
  • chiodi di garofano
  • zenzero
  • anice stellato
  • pepe
  • semi di finocchio
  • tè nero
  • acqua
  • zucchero
  • latte

Elementi che gli conferiscono un sapore dolce e delicato, ma allo stesso tempo deciso grazie alle numerose spezie presenti.

Diventata una vera e propria tradizione, questa bevanda viene servita quando si accolgono ospiti in casa, da bere diverse volte al giorno, senza orari specifici. Venditori ambulanti posti in ogni angolo delle città sono pronti a farti gustare questa bevanda calda, che è entrata a far parte della tradizione indiana.

Il Masala Chai, oltre ad avere un sapore delizioso ha anche diversi benefici:

  • Favorisce la digestione
  • Aiuta il sistema immunitario
  • Ha un’azione antisettica
  • Ha un’azione antinfiammatoria
  • È ricco di antiossidanti.

Prova la versione Chai di RealCafè con l’aggiunta di caffè verde, che grazie alla sua azione ti aiuterà anche a tenerti in forma.

Il Caffè verde Realcafè Chai lo potrai bere al naturale, anche freddo, oppure con l’aggiunta del latte.

Foto in evidenza di Charlotte May da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.